Code 1026

Code 1026


16.90 €
COMPRA

Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione. Artt. 978-1026

Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione. Artt. 978-1026


95 €
COMPRA

Sandali Calzaturificio Tre T SANDALO TRE T - 1026 NERO

Sandali Calzaturificio Tre T SANDALO TRE T - 1026 NERO Nero Disponibile in misura donna. 37,38,40,41. . Donna > Scarpe > Sandali.


59 €
COMPRA

Sandali Calzaturificio Tre T SANDALO TRE T - 1026 ARGENTO

Sandali Calzaturificio Tre T SANDALO TRE T - 1026 ARGENTO Argento Disponibile in misura donna. 38,40. . Donna > Scarpe > Sandali.


59 €
COMPRA

Code of Federal Regulations Title 12, Banks and Banking, Parts 1026-1099, 2015

Code of Federal Regulations Title 12, Banks and Banking, Parts 1026-1099, 2015


4827 €
COMPRA

Code of Federal Regulations, Title 12: Parts 1026-1099 (Bank and Banking) Fca, Ncua: Revised 1/15

Code of Federal Regulations, Title 12: Parts 1026-1099 (Bank and Banking) Fca, Ncua: Revised 1/15


6415 €
COMPRA

Code of Federal Regulations, Title 12: Parts 1026-1099 (Bank and Banking) Fca, Ncua: Revised 1/16

Code of Federal Regulations, Title 12: Parts 1026-1099 (Bank and Banking) Fca, Ncua: Revised 1/16


5728 €
COMPRA

Code of Federal Regulations, Title 12, Banks and Banking, PT. 1026-1099, Revised as of January 1, 2014

Code of Federal Regulations, Title 12, Banks and Banking, PT. 1026-1099, Revised as of January 1, 2014


6056 €
COMPRA

Code of Federal Regulations, Title 12, Banks and Banking, PT. 1026-1099, Revised as of January 1, 2015

Code of Federal Regulations, Title 12, Banks and Banking, PT. 1026-1099, Revised as of January 1, 2015


6056 €
COMPRA

Pax romana

Un Gene Papa di serie 7 della Chiesa Unificata. Creato geneticamente dal DNA conservato di 1026 santi uomini e donne. In seguito alla morte naturale (21 casi), accidentale (45 casi) o intenzionale (17 casi) del vecchio Papa, quello nuovo viene concepito in vitro e cresciuto a ritmo accelerato in un utero sintetico. Il Gene Papa è il depositario di tutti i dati contenuti nell'Archivio Segreto del Vaticano. È l'incarnazione vivente della Chiesa.


11.90 €
COMPRA

Usufrutto, uso e abitazione

L'opera commenta, nella prima parte, gli artt. 978-1020 c.c., dedicati alla disciplina del diritto di usufrutto. Dopo l'esame delle disposizioni generali, inerenti alla costituzione, alla durata ed alla cessione dell'usufrutto, vengono analizzati i singoli diritti nascenti dall'usufrutto (possesso della cosa, frutti, accessioni, miglioramenti, addizioni, locazioni concluse dall'usufruttuario, ecc.), ed i relativi obblighi (restituzione, inventario, garanzia, spese, riparazioni straordinarie, imposte, passività, ecc.). La disamina dell'istituto si conclude con il commento delle disposizioni normative inerenti alle cause di estinzione e di modificazione dell'usufrutto. La seconda parte del lavoro è dedicata al commento degli artt. 1021-1026 c.c., inerenti alla disciplina dei diritti di uso e di abitazione. Dopo la succinta esposizione delle origini storiche dei due istituti e dei relativi caratteri distintivi, viene definito l'ambito del concetto di famiglia rilevante ai fini dell'uso e dell'abitazione, del divieto di cessione, gli obblighi inerenti all'uso ed all'abitazione, nonché l'ambito applicativo delle norme sull'usufrutto.


17 €
COMPRA

Abbracciare gli alberi

Il più vecchio albero italiano di cui sia certa l'età è un pino loricato che cresce in Calabria abbarbicato sul Pollino. È nato nel 1026, più giovane quindi di un suo omonimo nato nel Nord della Grecia nel 941 e considerato il più vecchio essere vivente del Mediterraneo. Il più vecchio del mondo invece è un abete rosso (un albero di Natale, per intenderci) che vive in Svezia e che nel 2008 dovrebbe aver compiuto 9550 anni. Ancorati alle radici, gli alberi non si muovono. Si procurano da soli il nutrimento grazie alla clorofilla, trasformando l'energia solare in materia organica. Non hanno un cuore, due occhi o due gambe. Possiedono tessuti in perenne condizione embrionale, pronti a dare origine a tutti gli organi necessari: se a un albero tagliano un ramo, una gemma fino ad allora dormiente sarà pronta a generarne uno nuovo. Sono virtualmente immortali. Forse per questo gli uomini, insoddisfatti della propria condizione, non hanno mai smesso di cercarli. Giuseppe Barbera - agronomo siciliano da sempre impegnato nella tutela dell'ambiente e del paesaggio - esplora l'attrazione che gli esseri più evoluti del regno vegetale esercitano su poesia e letteratura dall'inizio dei tempi: dai poemi omerici, anzi dall'epopea di Gilgamesh, il primo uomo ad aver abbattuto un albero (per la precisione, un grande cedro cresciuto sulle montagne prossime all'Eufrate) e ad aver avviato con i suoi colpi d'ascia il disboscamento che, complice un inaridimento climatico, ha portato alla fine della civiltà mesopotamica. E ha segnato il destino della nostra. Un senso di leggerezza, di felicità sottile, di pace percorre il lettore di \"Abbracciare gli alberi\" - che il Saggiatore propone in una seconda edizione rinnovata -, perfino quando ci racconta dello scempio edilizio perpetrato dalla mafia nella Conca d'Oro di Palermo, un giardino naturale di leggendaria bellezza che fece ritenere a Goethe di aver scoperto l'Eden in terra. Un benessere pervasivo da cui non si viene abbandonati neppure dopo aver terminato la lettura, che come una radice si espande, invade lo spazio interiore e modifica il rapporto con quello esteriore. Abbracciare gli alberi è un libro che cambia il modo di stare nel mondo.


14.45 €
COMPRA